mercoledì 11 novembre 2015

GUERRA DEL LATTE: PER IL M5S, IL MINISTRO MARTINA CURA LA POLMONITE CON UN’ASPIRINA

A margine della manifestazione di protesta degli allevatori pugliesi, tenutasi stamane a Bari, L’Abbate (M5S) commenta la scelta del Ministero dell’Agricoltura. All’appello mancano altri 65 milioni di euro 
Approda anche in Puglia la cosiddetta “guerra del latte” che sta imperversando ad Ospedaletto Lodigiano (Lodi) dove gli allevatori sono in presidio davanti al centro di distribuzione della multinazionale francese Lactalis, proprietaria dei marchi Parmalat, Galbani, Invernizzi, Locatelli e Cademartori. Dinanzi all’Ipercoop di Japigia a Bari, gli allevatori pugliesi con le loro mucche hanno illustrato ai consumatori l’importanza del latte italiano e le sue peculiarità al grido di “giusto prezzo per il giusto latte!”.
In questa crisi del prezzo del latte, i contributi statali rischiano di divenire un mero palliativo se non si cambia, in maniera più strategica e lungimirante, il paradigma del libero mercato. L’attivazione del Fondo latte con 55 milioni di euro, operata dal ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, è come se si cercasse di curare una polmonite con l’aspirina – commenta il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera – Anzi, con mezza aspirina dato che, fino allo scorso luglio, lo stesso fondo prevedeva più del doppio delle disposizioni finanziarie, ovvero 120 milioni di euro. Dove sono finiti gli altri soldi promessi da questo Governo?!”.
Ma è l’intero mercato di libero scambio ad essere messo sotto accusa come causa principale. “L’unica regola esistente è quella del prezzo più basso, che non contempla fattori essenziali per la tutela del settore come la qualità della produzione e la loro funzione sociale – continua L’Abbate (M5S) – L’euro è complice attivo della lotta tra i Paesi dell’Unione europea, visto che i singoli Stati membri non hanno più la facoltà di rendere appetibili i propri prodotti intervenendo sulla propria moneta ma, allo stesso tempo, si trovano esposti alla svalutazione selvaggia del costo dei prodotti e del lavoro. A quanto pare, però, sembra che nemmeno le associazioni di categoria vogliano fermare il neoliberismo dicendo, ad esempio, ‘no al Ttip’ che accentuerebbe ancora di più questa concorrenza spietata. Fermo restando che per noi l’unica soluzione per le conseguenze del mercato globale è quella di allargare l’orizzonte – conclude il deputato pugliese – nel frattempo per sopravvivere occorre andare oltre la mezza aspirina del ministro Martina, come ad esempio mantenere la promessa dei 120 milioni per il Fondo latte”.

Nessun commento:

Posta un commento