lunedì 13 luglio 2015

PUGLIA: I 5 STELLE CHIEDONO AD INTRONA LA REVOCA DELLA DELIBERA DI PROROGA DEI CONTRATTI DIRIGENZIALI

Dopo la denuncia di qualche settimana fa, gli 8 consiglieri regionali M5S scrivono al Presidente del Consiglio ancora in carica per chiedere la revoca della delibera dell’Ufficio di Presidenza. In alternativa, sarà Corte dei Conti
Avevano denunciato l’inopportunità della decisione presa, post elezioni, dall’Ufficio di Presidenza già nelle scorse settimane e, oggi, i consiglieri regionali 5 Stelle tornano alla carica chiedendone la revoca. Con una missiva indirizzata al Presidente del Consiglio Onofrio Introna, formalmente ancora in carica, gli 8 portavoce M5S infatti ribadiscono come la delibera n. 290 che proroga di due anni i contratti a tempo determinato, che sarebbero scaduti solamente a dicembre 2015, per due dirigenti del Consiglio Regionali sia completamente inappropriata visto che, nel momento di “elezione per il rinnovo del Consiglio regionale”, l’Ufficio di Presidenza deve limitarsi a “continuare l’esercizio delle proprie funzioni, limitatamente all’esercizio dell’amministrazione ordinaria, fino alla prima seduta del nuovo Consiglio”. Indicazioni chiare come recita l’articolo 5 del Regolamento Interno del Consiglio Regionale, totalmente disatteso in questa circostanza. 
Avevamo chiesto una revoca in autotutela che, ad oggi però, non ci pare essere avvenuta – dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Viviana Guarini ed Antonella Laricchia – Ciò, nonostante l’Ufficio di Presidenza si sia riunito il 6 luglio per deliberare altre questioni. Rinnoviamo l’invito a procedere con la revoca, in quanto, senza entrare nel merito delle professionalità dei dirigenti che avremo il tempo di conoscere approfonditamente, ci sembra essere in violazione del regolamento. Se questo non avverrà – concludono i 5 Stelle – procederemo ad esporre l’accaduto alla Corte dei Conti”.

Nessun commento:

Posta un commento