giovedì 30 luglio 2015

PER LE POLIZIE PROVINCIALI STESSO SMANTELLAMENTO PREVISTO PER IL CORPO FORESTALE

Dopo lo smantellamento del CFS, il decreto legge Enti Locali prevede l’assegnazione del personale delle polizie provinciali ai Comuni, il tutto delegato a future leggi regionali. Per il M5S a rischio la salvaguardia ambientale e la lotta alle agromafie
Nonostante la nostra forte opposizione in Parlamento, il Governo e la maggioranza PD hanno tirato dritto sullo scioglimento del Corpo Forestale dello Stato e ad oggi non vi è alcuna garanzia che vengano assicurati gli stessi livelli di tutela ambientale, presidio del territorio e contrasto alle agromafie che il Corpo ha assicurato nei decenni. Parallelamente cala l’incertezza anche sul futuro delle Polizia provinciale, lasciando i cittadini con il timore di vedersi privati di importanti funzioni di salvaguardia e controllo dei territori e dell’ambiente”. A dichiararlo è il deputato pugliese Giuseppe L’Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura alla Camera alla luce della nuova formulazione dell’articolo 5 del Decreto legge 78 Enti locali che “non scongiura la frammentazione dei corpi e servizi di polizia provinciale, destinando il personale ai ‘vigili urbani’, attraverso ambigue e caotiche procedure di mobilità a seconda delle carenze di organico nelle polizie municipali”.
Se da un lato Province e Città Metropolitane individueranno il proprio personale di polizia locale necessario alle funzioni fondamentali di tutela dell’ambiente e controllo della circolazione stradale, oltre al ricollocamento nelle Regioni presso le proprie strutture – continua L’Abbate (M5S) – allo stato attuale, sono ignoti al Parlamento i criteri di assegnazione, se non un generico rimando a leggi regionali da emanare entro il 31 ottobre. Temiamo che l’unico criterio adottato sarà quello economico della provincia di appartenenza, che potrà generare soluzioni disomogenee sul territorio nazionale. Inoltre – prosegue il deputato 5 Stelle – resta la grave illogicità di destinare il personale delle polizie provinciali a quelle municipali: gli agenti, infatti, sono competenti soprattutto in ambito di controllo ambientale, come la vigilanza sulle attività di caccia e pesca, ed è forte il rischio che si disperda la professionalità acquisita nel corso di decenni di attività sul territorio. Per questo – conclude Giuseppe L’Abbate (M5S) – durante l’esame del provvedimento alla Camera chiederemo al Governo cosa ne sarà di tali funzioni e se davvero non si rischia una clamorosa quanto dannosa dispersione di questo prezioso patrimonio professionale che l’Italia, vista la recrudescenza dei reati ambientali ed agroalimentari, non si può certo permettere per tutelare le imprese sane che creano reddito e posti di lavoro onestamente”.

Nessun commento:

Posta un commento